DE BELLO GALLICO TRADOTTO PDF

To browse Academia. Skip to main content. By using our site, you agree to our collection of information through the use of cookies. To learn more, view our Privacy Policy. Log In Sign Up.

Author:Sabei Shaktir
Country:El Salvador
Language:English (Spanish)
Genre:Relationship
Published (Last):16 May 2012
Pages:393
PDF File Size:16.54 Mb
ePub File Size:3.98 Mb
ISBN:616-9-94099-430-2
Downloads:77740
Price:Free* [*Free Regsitration Required]
Uploader:Tygoran



Il fatto che a Cesare sia stata attribuita inizialmente la provincia dell'Illirico nel suo imperium , con la dislocazione all'inizio del 58 a. A Cesare serviva solo il pretesto per cominciare la sua avventura militare in Gallia. A fornire a Cesare il pretesto per entrare in armi in Gallia fu la migrazione degli Elvezi , stanziati tra il lago di Costanza , il Rodano , il Giura , il Reno e le Alpi retiche. Nel 58 Cesare si trovava ancora a Roma quando venne a sapere che gli Elvezi si stavano preparando a migrare verso le regioni occidentali della Gallia, con l'intento di attraversare il territorio della Gallia Narbonense.

Il passaggio di un intero popolo all'interno della provincia romana avrebbe senza dubbio procurato enormi danni e avrebbe potuto spingere gli Allobrogi , che vivevano in quell'area, a ribellarsi contro il dominio romano. Orgetorige aveva bisogno di trovare alleati in Gallia per attuare il suo piano di conquista.

Subito dopo si rivolse a Dumnorige , fratello di Diviziaco , che a quel tempo era capo del popolo degli Edui , e gli diede in moglie la propria figlia in cambio dell'alleanza tra i due popoli.

Gli Elvezi scelsero la seconda via, pur senza sapere quale sarebbe stata la reazione dei Romani alla loro richiesta di trasferire l'intero popolo sul suolo romano.

Una volta raggiunto il Rodano indissero un'assemblea lungo la sua riva destra per decidere il da farsi. Era il 28 marzo. Le forze messe in campo dagli Elvezi, che stavano per abbattersi sulla provincia, erano secondo lo stesso Cesare pari ad oltre Gli ambasciatori degli Elvezi si presentarono a Cesare chiedendogli il permesso di attraversare pacificamente la provincia.

Respinti dalle fortificazioni romane e dai soldati che accorrevano e lanciavano dardi, rinunciarono ad un nuovo attacco. Dopo aver cercato invano di penetrare nella provincia, tentando di sfondare la linea difensiva creata dai Romani, gli Elvezi si risolsero a trattare coi Sequani per ottenere il permesso di attraversare le loro terre. Per questi motivi [ Nel De bello Gallico , Cesare adduce diverse motivazioni per giustificare la sua azione:.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Battaglia di Genava parte della Conquista della Gallia. Repubblica romana Elvezi. Gaio Giulio Cesare Divicone. Limitate Ingenti. I Boi erano stati costretti a migrare ad occidente dall'avanzata dei Daci di Burebista , che li avevano cacciati dai loro territori ad ovest del Lago Balaton.

Eberhard Horst, Giulio Cesare , p. Quest'esagerazione andrebbe spiegata per ragioni propagandistiche. Nel a. Portale Antica Roma. Portale Celti. Portale Guerra. Categorie : Guerre galliche Battaglie combattute da Giulio Cesare. Menu di navigazione Strumenti personali Accesso non effettuato discussioni contributi registrati entra. Namespace Voce Discussione.

Visite Leggi Modifica Modifica wikitesto Cronologia. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli. La battaglia presso Ginevra di Gaio Giulio Cesare nel 58 a. Repubblica romana. Gaio Giulio Cesare. Voci di battaglie presenti su Wikipedia. Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia del fiume Arar e Conquista della Gallia.

Veneti e Aquitania 55 a. Britannia seconda spedizione 53 a.

ALAN DEAN FOSTER SPELLSINGER PDF

Gaio Giulio Cesare

A map animation for Julius Caesar, Gallic War 1. The Latin is read by Chris Francese. It is part of a series in the Dickinson College Commentaries. La conquista della Gallia, mese per mese. Cesare in Gallia: video didattico a cura di Historia Civilis in lingua inglese.

BOVEDA ONE STEP CALIBRATION PDF

Battaglia di Genava

Tutti costoro si differenziano per lingua, istituzione e leggi. Lipparini, Zanichelli, Bologna, Consegnata ai consoli la lettera di Cesare, i tribuni della plebe ottennero a stento che venisse letta in senato, ma non che si procedesse a dibatterne. Dopo che fu consegnata ai consoli la lettera inviata da Cesare, i tribuni della plebe fortemente insistettero che fosse letta in Senato ed a stento l'ottennero, ma non riuscirono ad ottenere che se ne ponesse in discussione il contenuto. I consoli riferiscono sulla situazione politica.

Related Articles